Mercato immobiliare turistico secondo l’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico

Condividi su:
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Le vacanze hanno sempre caratterizzato un momento importante nella vita degli italiani, tanto da impegnarsi anche nell’acquisto di una casa vacanza dove poter trascorrere i giorni di relax estivo. E visto che siamo in piena estate diamo un occhiata al mercato immobiliare turistico.

Dai dati diffusi dall’Istat, nel primo trimestre  2016, emerge un mercato immobiliare in ripresa del 17,9 % rispetto  allo stesso periodo di un anno fa, con 159.932 convenzioni notarili per trasferimenti immobiliari a titolo oneroso.

Anche per il mercato dei mutui ipotecari prosegue l’andamento positivo con 88.036 convenzioni erogate dove la compravendita immobiliare più alta si registra nelle grandi città metropolitane e più bassa nelle città più piccole.

Ma veniamo al dunque, le compravendite di unità immobiliari destinate ad abitazione per le vacanze nel 2015 ha registrato il segno positivo con un aumento annuo del 7,6 %. Sono questi i dati pubblicati da Fimaa – Confcommercio raccolti attraverso l’Osservatorio Nazionale Immobiliare Turistico in collaborazione con la società di studi economici Nomisma.

I risultati ottenuti sono frutto di un analisi accurata delle compravendite immobiliari registrate in 186 località di mare e 107 località di montagna e lago.

Per quanto riguarda i prezzi, la città italiana più costosa dove poter acquistare casa per le vacanze è Santa Margherita Ligure in Provincia di Genova con 14.000 € al metro quadro. Segue Forte dei Marmi (LU) con 13.500 € /m2 e Capri (NA) con 13.200 € /m2.

Per poter trovare dei prezzi leggermente più bassi bisogna scendere al quindicesimo posto della lista dove troviamo Sorrento (NA) con un prezzo medio di acquisto di 8.000 €/m2.

Nonostante i prezzi consistenti il mercato immobiliare turistico continua a migliorare i suoi valori passando da -5 % nel 2015 al -2.3% nel 2016.

E’ ovvio che la ripresa è ancora lenta, non potrebbe essere altrimenti dopo una lunga crisi del settore che ha fatto perdere anche tantissimi posti di lavoro nell’immobiliare.

I dati dell’indagine svolta sulle 293 località italiane  confermano un movimento del mercato immobiliare turistico più lento rispetto a quello residenziale. Dovremmo attendere il prossimo anno per riscontrare segnali concreti di superamento della crisi.

In questo senso, considerando che l’80% della domanda ha bisogno di finanziamenti bancari per finalizzare l’acquisto di una casa vacanza, potrebbe aiutare lo sviluppo di politiche per combattere la disoccupazione e facilitare l’accesso al credito alle giovani coppie.

Per chi ha superato queste difficoltà resta solo scegliere la località mare o montagna ed individuare la casa adatta alle vostro soggiorno estivo. Un ricco portafoglio di immobili lo potete trovare consultando il sito www.capitalhouse.it.

I nostri professionisti sono pronti ad accompagnarvi in una bellissima esperienza d’acquisto immobiliare.

 

Condividi su:
Facebooktwittergoogle_plusredditpinterestlinkedinmail

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *