Quali sono i Pro e Contro del Riscaldamento a Pavimento?

Condividi l'articolo:

Stai pensando di installare un nuovo impianto di riscaldamento? Riscaldare la casa è fondamentale, soprattutto durante la stagione fredda, ma non sempre i termosifoni sono la soluzione ideale per avere la temperatura che desideri a casa.

Il riscaldamento a pavimento ti dà la possibilità di eliminare termosifoni e stufe, la garanzia di un comfort termico costante su tutta la superficie della casa e un risparmio energetico rispetto ai sistemi tradizionali.

Ci sono 2 tipologie principali, ovvero: Il riscaldamento a pavimento ad acqua, dotato di serpentine in cui viene fatta scorrere acqua calda ad una temperatura molto più bassa (non supera i 35 gradi) di quelle di un classico termosifone. L’acqua può essere riscaldata da una caldaia centralizzata o da una pompa di calore. Il riscaldamento a pavimento elettrico è un sistema simile, ma in cui viene fatta passare della corrente elettrica in resistenze poste a pavimento, come avviene per i piani cottura elettrici.

Il risultato di entrambi è una temperatura costante e uniforme e una piacevole sensazione di comfort, ma quali sono i Pro e Contro del Riscaldamento a Pavimento?

I pro di un impianto di riscaldamento a pavimento sono sicuramente:

  • avere un riscaldamento uniforme in tutta la casa: distribuzione omogenea del calore grazie alla trasmissione per irraggiamento. L’ambiente riscaldato, più confortevole, ti regala una maggiore sensazione di benessere rispetto ai radiatori tradizionali.
  • avere un risparmio economico in bolletta e sui costi di installazione: il riscaldamento a pavimento ti permette di risparmiare combustibile poiché riesce a propagare calore per irraggiamento uniforme in tutti gli ambienti della casa.
  • non incorrere in forme di patologie allergiche e disturbi respiratori: il riscaldamento a pavimento non genera movimenti d’aria e quindi non solleva polveri nell’ambiente, né diffonde sostanze inquinanti. È particolarmente indicato per chi soffre di allergie.
  • avere più spazio e un migliore impatto estetico in casa: il riscaldamento a pavimento non riduce lo spazio della superficie calpestabile
  • contare sulla facilità di applicazione di questo sistema: l’impianto di riscaldamento a pannelli radianti può essere installato anche senza rompere i pavimenti. È perfettamente efficiente anche se poggiato su un pavimento già preesistente;
  • avere un comfort maggiore anche dal punto di vista acustico: il suo funzionamento è silenzioso ed è quindi perfetto anche in un condominio.

Ecco invece quali sono i contro di un impianto di riscaldamento a pavimento:

  • spese di installazione più alte: si tratta di circa il 60% in più rispetto a quelle che dovresti affrontare per installare un classico impianto di radiatori.
  • tempo di riscaldamento: più lungo rispetto a quello richiesto dai termosifoni, visto che il calore arriva dal basso.
  • condizionamenti nell’arredamento degli ambienti: tieni conto che i mobili o i complementi d’arredo poggiati a terra rallentano o addirittura impediscono al calore di propagarsi.
  • disagi al pavimento in caso di guasti: se ci dovesse essere un malfunzionamento o una perdita d’acqua, sarebbe fondamentale una manutenzione che richiederebbe la rimozione, anche se parziale, di quella parte di pavimento interessata dal guasto.

Rispondi